🎁 Acquista tre prodotti e ottieni uno sconto del 15% 🎁

Dove ho messo gli occhiali? Ho parlato con mio fratello stamattina? Non ricordo dove si trovava la panetteria?

Reclami soggettivi sulla memoria.

Secondo uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Neurology , i disturbi soggettivi della memoria (sensazione insolitamente smemorata) potrebbero essere un sintomo precoce di declino cognitivo.

I ricercatori hanno seguito più di 1.000 donne di età superiore ai 65 anni con funzioni cerebrali normali. Nel corso dei successivi 18 anni, in quattro momenti diversi, le donne hanno risposto alla domanda: "Senti di avere più problemi di memoria rispetto alla maggior parte degli altri?" Alla fine dello studio, le donne sono state sottoposte a diversi test per determinare se soffrivano di demenza o di lieve deterioramento cognitivo. La ricerca è stata in grado di confermare che le donne che avevano problemi di memoria in quei 18 anni di follow-up avevano quasi il doppio delle probabilità di sviluppare un deterioramento cognitivo.

Cos'è l'MCI?

Il lieve deterioramento cognitivo (MCI) consiste in una diminuzione della capacità cognitiva oltre quella attesa per l'età, che non compromette significativamente le capacità funzionali; È considerato uno stato intermedio tra la normale funzione cognitiva e la demenza.

In questa sindrome si possono trovare molteplici problemi di salute come fattore scatenante o causa, dalla depressione, ansia e altri disturbi dell'umore, alle malattie tumorali, metaboliche, vascolari cerebrali o alla forma più comune di demenza, che è il morbo di Alzheimer.

Cosa possiamo fare per evitare l’MCI?

Negli ultimi anni, la ricerca sulle malattie neurodegenerative ha prodotto pochissimi risultati nel trattamento farmacologico convenzionale, tuttavia gli studi preventivi basati sulla popolazione sono stati molto incoraggianti. Ancora una volta, stili di vita sani diventano la scelta migliore: esercizio fisico, alimentazione e riposo, ma anche una buona gestione delle emozioni a favore della salute mentale e allenare il nostro cervello donandogli attività intellettuale. Più recentemente e seguendo questo desiderio preventivo, molti professionisti hanno incorporato alcuni integratori alimentari nelle loro raccomandazioni negli ultimi anni.

Omega 3 DHA, la risposta era nel mare.

Studi epidemiologici dimostrano l'effetto protettivo degli acidi grassi Omega 3 sui disturbi soggettivi della memoria, sul lieve deterioramento cognitivo, sulla demenza e sulla progressione dell'Alzheimer. In particolare, l'acido docosaesaenoico (DHA), che costituisce il 90% degli acidi grassi Omega-3 presenti nel cervello e fino al 25% del contenuto totale di grassi del cervello, costituendo una parte fondamentale della materia grigia, responsabile della elaborazione delle informazioni, della memoria e delle emozioni. I benefici dell'integrazione con DHA si ottengono con una dose giornaliera di 250 mg. La principale fonte di Omega 3 si trova nei prodotti di origine marina, come il pesce azzurro.

Bacopa, un antico adattogeno dai nuovi benefici.

Un altro degli ingredienti naturali che sta suscitando maggiore interesse nella scienza è la Bacopa monnieri, conosciuta anche come Brahmi nella medicina ayurvedica. Questo adattogeno naturale agisce sull'acetilcolinesterasi nel cervello, oltre ad inibire alcuni processi di ossidazione cellulare con il conseguente miglioramento delle prestazioni cognitive. Forse uno dei nootropi naturali con il maggior potenziale del momento.

Finalmente MINDEX®, per prenderci cura della salute del tuo cervello... in modo naturale.

Bioksan, consapevole dell'importanza di prendersi cura della salute del cervello e preoccupata per la propria memoria, sulla base delle prove scientifiche e degli ultimi aggiornamenti sulle malattie neurodegenerative, ha ideato Mindex®, un integratore alimentare a base di olio di pesce (EPA e DHA), Bacopa monnieri, vitamine e minerali, studiati per il corretto funzionamento delle funzioni cerebrali e delle performance cognitive.