🎁 Acquista tre prodotti e ottieni uno sconto del 15% 🎁

La sindrome delle gambe senza riposo è un disturbo di origine neurologica, che incide sulla salute e sulla qualità della vita di chi ne soffre, a causa del bisogno irresistibile di alzarsi o muovere le gambe per attenuare il disagio che produce, da qui il suo nome.

I sintomi più evidenti sono sensazioni di disagio e spiacevoli all'interno delle estremità, principalmente nelle gambe. Questi sintomi compaiono durante lo stato di riposo o di inattività, risultando particolarmente fastidiosi nel tardo pomeriggio o durante la notte ed anche nelle situazioni sociali o di svago quotidiane, generalmente in posizione seduta.

Nella maggior parte dei casi si verificano anche movimenti incontrollati e periodici, come sussulti a intervalli di 20-30 secondi durante il sonno, che producono continue interruzioni del sonno.

Si ritiene che la causa della sindrome delle gambe senza riposo sia dovuta a un disturbo del sistema dopaminergico. La dopamina è una sostanza inerente al sistema nervoso, responsabile della regolazione del movimento e per il suo corretto funzionamento dipende intrinsecamente dai livelli di ferro e dalla carenza di ferritina.

L'evoluzione della sindrome delle gambe senza riposo è progressiva, lenta nel tempo, si intensifica e diventa cronica, normalmente inizia a colpire solo gli arti inferiori, ma man mano che diventa più grave finisce per estendersi anche agli arti superiori.

Generalmente provoca disturbi fisici, psicologici e sociali come insonnia, cambiamenti di umore o limitazioni nello svolgimento delle normali attività sociali, tra molti altri. Per una diagnosi affidabile è necessario analizzare il sangue, analizzando principalmente i livelli di ferro e ferritina, eseguire un test di polisonnografia notturna o eseguire un'elettromiografia, a seconda delle caratteristiche e dei sintomi clinici del paziente.

Il trattamento della sindrome delle gambe senza riposo si basa su misure quali: orari di sonno regolari, evitando il consumo di stimolanti, evitando farmaci che bloccano la dopamina, antistaminici, integratori vitaminici e, fondamentalmente, correggendo la carenza di ferro. D'altro canto possono essere indicati gli agonisti della dopamina, i sedativi, gli analgesici/oppioidi e gli antiepilettici.

Quando la RLS è secondaria a una carenza delle riserve di ferro, è necessario integrarlo utilizzando vari metodi, come la somministrazione di ferro per via endovenosa (nei casi più gravi) o la somministrazione esogena di ferro. Sebbene nella popolazione generale i livelli di ferritina siano normali al di sopra di 10-12 mcg/L, nei pazienti affetti da RLS è considerato ottimale mantenere questi livelli al di sopra di 50-70 mcg/L.

Atenox® è un integratore alimentare di ferro, vitamine e prebiotici con grande capacità di assorbimento, notevole biodisponibilità e ottima tolleranza. Integratore studiato per il trattamento dell'anemia, degli stati carenziali e delle situazioni di stanchezza o affaticamento. Il ferro pirofosfato microincapsulato liposomiale contenuto è una fonte di ferro micronizzata che ne migliora l'assorbimento e minimizza le interazioni con altri componenti. Attraverso questa tecnologia la mucosa gastrointestinale viene protetta dall'azione ossidante del ferro, evitando i comuni disagi che questo tipo di trattamento genera.

Per questo motivo è considerata una valida opzione per compensare le carenze di ferritina e quindi per il trattamento della Sindrome delle Gambe senza Riposo dovuta a carenza di ferritina in situazioni lievi e moderate.

Atenox®, la soluzione naturale contro l'Anemia